CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA E DI FORNITURA

(Versione luglio 2014)

1. In generale:

1.1
Le forniture di merci ai nostri clienti vengono effettuate soltanto in base alle seguenti condizioni, se non diversamente regolato con speciali condizioni di operazioni commerciali. Per accordi in deroga è richiesta la forma scritta (non vale in caso di operazioni commerciali con consumatori). I nostri dipendenti non sono autorizzati senza procura scritta anche nei confronti di consumatori, a decidere riguardo ad assensi o accordi in deroga.

1.2
L’eventuale inefficacia di singole disposizioni di queste condizioni generali di vendita e di fornitura non influiscono sulle restanti disposizioni. Al posto di una eventuale disposizione inefficace vale come concordato quella disposizione ammissibile giuridicamente che le se avvicina maggiormente (non vale in caso di operazioni commerciali con consumatori).

1.3
Conforme al senso queste disposizioni valgono anche per prestazioni oppure per altre forniture da noi procurate, se non diversamente regolato con speciali condizioni per operazioni commerciali.

1.4
Condizioni generali per operazioni commerciali opposte del cliente non vengono da noi accettate.

2. Accettazione dell’ordine:

2.1
Nel caso in cui non dovesse avvenire un rifiuto da parte nostra entro tre giorni lavorativi dopo il ricevimento orale di un ordine, I’ordine vale come accettato. Dobbiamo dichiarare per iscritto il rifiuto di un ordine scritto entro 14 giorni dopo il suo ricevimento, in caso contrario vale come accettato con la data del conferimento dell’ ordine.

2.2
In caso di spedizione per posta il rifiuto è ancora in tempo utile, se viene consegnato entro i termini presso I’ufficio postale.

3. Diritto di recesso per consumatori in base alla legge sulla tutela dei consumatori:

3.1
Nel caso in cui il consumatore ha consegnato la sua dichiarazione di contratto né nei locali utilizzati in modo continuativo per i nostri scopi commerciali né presso uno stand da noi utilizzato durante una fiera o un mercato, egli può recedere entro 14 giorni dalla sua richiesta di contratto oppure dal contratto; il termine inizia a decorrere con la consegna di un attestato che contiene almeno il nostro nome e il nostro indirizzo nonché un informazione riguardo il diritto di recesso, al più presto però con I’attuazione del contratto; in caso di contratti di compravendita relativi a merci il decorso del termine inizia al più presto con il giorno in cui il consumatore entra in possesso della merce.

Nel caso di mancata consegna di un tale attestato il termine di recesso si proroga di dodici mesi.

Se recuperiamo la consegna dell’attestato entro dodici mesi dall’inizio del termine, il termine di recesso finisce 14 giorni dopo il momento in cui il consumatore ottiene I’attestato.

3.2
Il diritto di recesso non spetta al consumatore se ha intavolato egli stesso il rapporto commerciale con noi oppure non sussisteva in precedenza nessun colloquio tra i partecipanti.

3.3
La dichiarazione del recesso non è legata ad una determinata forma. Il termine di recesso è concesso, se la dichiarazione di recesso viene spedita entro il Termine.

3.4
Il consumatore può inoltre recedere dalla sua richiesta di contratto o dal contratto, se senza la sua iniziativa per la sua approvazione non subentrano oppure solo in misuta decisamente minima circostanze determinanti come per esempio approvazione da parte di terzi, prospettiva di agevolazioni fiscali oppure agevolazioni per finanziamenti pubblici oppure un mutuo, che noi abbiamo descritto nell’ambito delle trattative contrattuali come probabili.

Il recesso può essere dichiarato entro una settimana, appena è riconoscibile per il consumatore che le circostanze menzionate non subentrano oppure soltanto in misura decisamente minima ed egli ha ottenuto un’informazione scritta riguardo a questo diritto di recesso. Il diritto al recesso cessa però al più tardi un mese
dopo il completo adempimento del contratto da parte di entrambe le parti contrattuali. Per il resto è valido il punto 3.3.

Il diritto di recesso non spetta al consumatore, se
1. egli era già a conoscenza durante le trattative contrattuali o doveva essere a conoscenza, che le circostanze determinati non subentreranno soltanto in minima misura,
2. l’esclusione dal diritto di recesso è stato oggetto di contrattazioni in modo dettagliato oppure,
3. noi ci dichiariamo disposti ad un adeguato adattamento del contratto.

3.5
I costi diretti della spedizione di ritorno della merce vanno a carico del consumatore.

4. Adempimento, trapasso del rischio, ritardo:

4.1
Luogo d’adempimento per la fornitura e il pagamento è la nostra sede, anche nel caso in cui la consegna avviene conforme agli accordi in un altro luogo; per questo caso approva il cliente la spedizione tramite ferrovia, posta, trasporto su strada oppure in qualsiasi altro tipo di trasporto utile allo scopo e si prende carico delle spese di trasporto (trasporto, deposito intermedio nonché caricamento e scaricamento).

4.2
Vantaggi e rischi passano al cliente al più tardi dalla partenza della fornitura dal nostro magazzino, in caso di consegna a partire dallo stabilimento di questo, e cioè indipendentemente dalla quotazione del prezzo concordato per la fornitura come p.es. “franco” ecc. (valido per operazioni commerciali con consumatori solo in caso di conclusione di contratto proprio di trasporto). Non vengono intaccati eventuali diritti al risarcimento di danni.

4.3
Nel caso in cui non dovesse essere diversamente concordato, il termine di consegna è di 30 giorni dopo la conclusione del contratto. Per merce non in magazzino il termine è di al massimo 30 giorni dal giorno in cui è pervenuta la merce dal pre-fornitore presso di noi (non vale per operazioni commerciali con i consumatori). L’osservanza del termine di consegna pattuito è valido salvo circostanze imprevedibili oppure indipendenti dalla volontà della parte contraente, come per esempio tutti i casi di forza maggiore, avvenimenti bellicosi, interventi da parte delle autorità e divieti, ritardi nel trasporto e nello sdoganamento, danni da trasporto oppure penuria d’energia. Circostanze di questo tipo danno diritto ad una proroga del termine di fornitura. anche quando subentrano presso un produttore, subfornitore oppure un ausiliario. I consumatori hanno in questi casi il diritto di recesso in base al punto 10.1.

4.4
In caso di partenza ritardata dallo stabilimento e/o dal nostro magazzino che è da ricondurre a circostanze che sono poste presso il cliente, il rischio e pericolo passano al cliente con il giorno dell’avviso di spedizione. Se viene concordata una consegna a richiesta del compratore, in tal caso la merce vale come richiesta al più tardi tre mesi a partire dall’ordine. Informererno in tempo utile il cliente riguardo il decorso del termine e I’importanza del suo comportamento. Nel caso in cui non possiamo adempiere a causa della mancata disposizione da parte del cliente, subentrano con questo momento gli effetti del ritardo dell’accettazione.

Nel caso in cui la merce non viene ritirata dal cliente come concordato, siamo autorizzati in tal caso a fatturare al cliente a partire dal ritardo dell’accettazione una penale per I’ammontare del 1,5% dell’importo netto della fattura per ogni settimana iniziata (non vale per operazioni commerciali con i consumatori). Diritti di risarcimento del danno che vanno oltre non vengono con ciò esclusi.

4.5
Siamo autorizzati ad effettuare forniture parziali oppule pre-forniture.

4.6
Reclami per forniture presunte non eseguite o non eseguite completamente devono essere presentati immediatamente per iscritto, al più tardi però entro sette giorni dal ricevimento della bolletta di consegna. Nel caso in cui il cliente non avesse ricevuto nessuna bolletta di consegna, questo termine decorre a partire dal ricevimento della fattura. Una violazione di questo obbligo non riduce il diritto del cliente alla garanzia, può però fondare un concorso di causa.

5. Offerte e preventivi:

5.1
Le nostre offerte sono senza impegno e contengono nessun obbligo d’ accettazione dell’ ordine.

5.2
Preventivi vengono redatti soltanto per iscritto. Solo preventivi scritti e a titolo oneroso sono vincolanti. Se non risulta diversamente da preventivi vincolanti siamo legati per la durata di un mese agli ivi contenuti prezzi stabiliti (Punto 5.2 non vale per operazioni commerciali con consumatori).

5.3.
Modifiche all’ordine e/o ordini aggiuntivi vengono fatturati separatamente.

6. Prezzi:

6.1
Nel caso in cui dovessero subentrare tra la conclusione del contratto e la fornitura un aumento dei costi a causa di circostanze che non dipendono dalla nostra volontà, come I’aumento del nostro prezzo d’acquisto, aumento dei prezzi di produzione e/o prezzi alf ingrosso, a causa dell’aumento dei costi del lavoro dovuto a nuove leggi, decreti oppure contratto collettivo oppure aumenti oppure nuove introduzioni di imposte a causa di clausole di garanzia del valore, aumentano di conseguenza i prezzi in considerazione (non vale per operazioni commerciali con consumatori).

6.2
I prezzi sono validi franco magazzino. Vengono fatturati in aggiunta, imballaggi e imballaggi particolari per il trasporto, bancali, assicurazioni, la consegna ecc.

6.3
In caso di ritiro a titolo oneroso per imballaggio, imballaggi speciali per il trasporto, bancali, ecc. fatturati in aggiunta, incombe sul cliente fino all’effettiva riconsegna la custodia regolare di questi oggetti. Nel caso in cui questi oggetti non fossero più nuovamente utilizzabili, non sono obbligati alla riconsegna a titolo oneroso.

6.4
Imprese non possono richiamarsi nei nostri confronti in base al § 934 del codice civile austriaco (riduzione oltre la metà).

7. Riserva di proprietà:

7.1
Ci riserviamo il diritto di proprietà riguardo all’oggetto di vendita, fino al completo pagamento del prezzo d’acquisto. Il cliente è obbligato in caso di pignoramento oppure altri diritti sull’oggetto d’acquisto da parte di terzi ad indicare il nostro diritto di proprietà e di informarci immediatamente in merito.

7.2
La rivendita della merce sotto riserva di proprietà può essere effettuata previa nostra approvazione scritta. La riserva di proprietà si allunga in questo caso sul ricavo oppure la richiesta di prezzo d’acquisto da questa vendita, che con ciò è ceduta nella nostra proprietà. Il cliente è obbligato in caso di una tale rivendita a custodire separatamente il relativo ricavo. Siamo autorizzati a portare a conoscenza Ia cessione aI terzo debitore.

7.3
In caso di elaborazione, Iavorazione e collegamento con altri delle merce da noi fornita ci spetta la con ciò creata quota di comproprietà alla cosa creata tramite elaborazione e lavorazione in rapporto al valore della merce da noi fornita in confronto alla restante merce lavorata al momento della Iavorazione oppure collegamento.

8. Pagamento:

8.1.
In mancanza di altri accordi i pagamenti devono essere effettuati a ricevimento fattura.

8.2
In caso di ritardo nel pagarnento siamo autorizzati fermo restando d’essere manlevati dai nostri restanti diritti a ritirare ia merce che si trovano nella nostra riserva di proprietà, apparecchi e simili, senza che questi equivalga ad un recesso dal contratto.

8.3
In caso di pagamento in mora di un consumatore, con cui abbiamo concordato interessi contrattuali, siamo autorizzati ad aver diritto ad interessi di mora per I’ammontare del 5% per anno più gli interessi contrattuali. Nel caso in cui non fossero stati concordati interessi di mora, il tasso d’interesse per gli interessi di mora ammontano a 9% per anno con il relativo computo trimestrale.

In caso di pagamento ritardato di un’impresa siamo autorizzati ad aver diritto su interessi e interessi sugli interessi per I’ammontare ciascuno del 13% per anno con computo trimestrale. Nel caso in cui dovessero subentrare variazioni sul mercato monetario e finanziario, che causano una modifica generale degli interessi sui crediti, siamo autorizzati ad un corrispondente adeguamento del tasso d’ interesse concordato.

8.4
Il cliente moroso è obbligato ad indennizzare tutte le spese processuali e extraprocessuali da lui colposamente causate delle perseguibilità giuridica corrispondenti allo scopo, come in particolar modo costi per il sollecito del pagamento, spese per I’incarico ad ufficio riscossioni crediti nonché anche costi di un avvocato da noi incaricato, se queste sono poste in un rapporto adeguato al credito richiesto.

8.5
È esclusa una compensazione di asseriti crediti di contropartita del cliente contro il prezzo d’acquisto, eccezion fatta nel caso in cui il cliente è consumatore e l’altra parte contrattuale è divenuta insolvente oppure il credito di contropartita sta in connessione giuridica con l’obbligo del cliente, è stato accertato dal tribunale o è stato da noi riconosciuto. Una ritenzione del prezzo d’acquisto oppure correspettivo del contratto d’opera in caso di giustificato diritto di miglioramento è ammissibile soltanto nella misura dei costi necessari per il miglioramento, eccezion fatta se il cliente è consumatore.

8.6
Pagamenti a noi pervenuti ammortizzano dapprima gli interessi sugli interessi, gli interessi e spese accessorie, poi il capitale scoperto, ove i debiti non coperti devono essere ammortizzati prima dei debiti coperti, iniziando dal debito più vecchio.

8.7
Con clienti con cui siamo in continuo rapporto commerciale le forniture e prestazioni vengono effettuate in via di principio sulla base di un rapporto di conto corrente e i reciprochi diritti quindi in base al conto corrente, però computati in osservanza delpunto 8.6. L’informazione relativa al saldo viene effettuata tramite comunicazione separata.

8.8
Se nel concreto singolo caso non viene concordate diversamente, sarà applicato un tasso attivo d’interesse del conto corrente del 13% per anno con un computo trimestrale. Nel caso in cui dovessero subentrare variazioni sul mercato monetario e finanziario, che causano una modifica generale degli interessi dei crediti, siamo autoriazzati ad un corrispondente adeguamento del tasso d’interesse concordato (il punto 8.8 non è valido per operazioni commerciali con consumatori).

8.9
Si precisa espressivamente che un riconoscimento del saldo può essere effettuato, sia per iscritto oppure oralmente cosi come anche tacitamente in modo tale che il cliente non può presentare reclamo contro il nostro saldo comunicato entro un termine adeguato, al più tardi però entro 4 settimane. Vi verrà fatto riferimento nel comunicazione del saldo.

8.10
Ci riserviamo espressamente la decisione, di non sospendere singoli crediti nell’esistente rapporto di conto Corrente.

9. Garanzia (Ciò qui di seguito menzionato non vale per operazioni commerciali con consumatori):

9.1
Siamo autorizzati secondo nostra scelta a sostituire merci difettose con stesse merci senza difetti entro un termine adeguato oppure eliminare entro un termine adeguato il difetto. Con ciò cessa un diritto alla sospensione del contratto oppure alla riduzione del prezzo.

9.2
Il diritto alla garanzia premette che il cliente ha denunciato per iscritto il difetto sopravvenuto entro un termine adeguato, al più tardi entro 14 giorni dalla consegna con I’esatta descrizione del difetto. Non viene intaccato il punto 4.5. Il termine per I’esercizio del diritto su diritti da garanzia comporta per beni movibili 6 mesi, per cose immobili 2 anni dalla consegna.

9.3
La difettosità della merce deve essere provata dal cliente al momento della consegna.

9.4
Non sono compresi nella garanzia in particolar modo difetti che non sono da ricondurre ad una nostra disposizione o montaggio da noi eseguito, arredamento insufficiente, sforzo dei pezzi oltre la prestazione indicata, trattamento ed utilizzazione negligente o errata di materiali industriali inadeguati; ciò vale altresì per difetti che sono riconducibili a materiale ordinato dal cliente oppure al logoramento naturale. Non rispondiamo altresì per danneggiamenti riconducibili ad azioni di terzi oppure riconducibili ad influssi chimici.

9.5.
Siamo autorizzati a fatturare al cliente le spese di trasporto e di viaggio nel luogo convenuto per l’eliminazione del difetto.

9.6.
Dichiarazioni pubbliche del produttore, delf importatore o altri terzi riguardo particolari caratteristiche della merce, in particolar modo nella pubblicità, non divengono – in mancanza di espresso riferimento – contenuto del contratto.

10. Recesso dal contratto:

10.1
Il cliente è autorizzato a recedere dal contratto nel caso in cui dovessimo essere in ritardo con la consegna dopo I’accettazione del contratto a causa di un comportamento intenzionale e negligente, dopo il decorso infruttuoso di un adeguato termine di respiro presentato per iscritto. Il diritto al recesso dal contratto non spetta all’impresa in caso di ritardo per motivi di forza maggiore e in caso di ritardo per leggera negligenza riguardo a merci, che in base alle informazioni del cliente devono essere prodotte in modo speciale oppure da procurare; un consumatore ha in questi casi il diritto di recedere, dopo il decorso infruttuoso di un adeguato termine di respiro presentato per iscritto di almeno quattro settimane. Il cliente è autorizzato a richiedere un risarcimento dei danni per I’inadempimento oppure ritardo soltanto nel caso di un ritardo a causa del nostro comportamento intenzionale o gravemente negligente.

10.2
Dall’altro canto siamo autorizzati in caso di pagamento moroso da parte del cliente manlevati dagli altri diritti, dopo la concessione di un adeguato termine di respiro a recedere completamente oppure parzialmente dal contratto: in caso di un nostro recesso ci spetta un indennizzo per l’ammontare del 10% del prezzo di quelle merci riguardo alle quali il recesso è stato effettuato. Ci riserviamo di fare valere il nostro diritto per un danno che va oltre a ciò.

10.3
Nel caso in cui un partner contrattuale sospende il suo pagamento, viene effettuato il procedimento d’esecuzione contro il suo patrimonio oppure viene rifiutato un procedimento d’insolvenza per mancanza di copertura patrimoniale oppure se la sua situazione economica è peggioratain modo tale, che il recupero del credito appare incerto, I’altra parte contraente è autorizzata a recedere dal contratto senza fissare un termine di Respiro.

10.4
Non siamo obbligati in via di principio al ritiro della merce già fornita. Nel caso in cui per correntezza nel caso singolo viene effettuato un ritiro, andranno a carico del cliente in ogni caso un diritto di manipolazione deI 10% della somma netta della fattura, compreso il risarcimento di eventuali danni alla merce ritirata che viene calcolato dal valore a nuovo, senza considerazione di un eventuale ridotto valore corrente. Nel caso in cui mediante il ritiro della merce la ciascuna tabella differenziale dei prezzi della fattura della merce acquistata del cliente è inferiore viene effettuato inoltre un conguaglio degli sconti di quantità concesso originariamente.

11. Garanzia:

11.1
In caso di operazioni con consumatori è esclusa la nostra garanzia per danni causati con leggera negligenza, fatta eccezione per danni alle persone. In tutti gli altri casi la nostra responsabilità è limitata a danni, che si sono creati all’oggetto stesso della fornitura, se non ci viene data prova di non aver agito intenzionalmente oppure con grave negligenza.

11.2
Il cliente deve informarci immediatamente di ogni danno di cui è venuto a conoscenza ad una cosa da noi fornita in particolare nel caso in cui viene richiesto da terzi dal titolo della garanzia del prodotto il risarcimento di un danno oppure intimato a rendere noto il nome del suo fomitore, o viene altrimenti a conoscenza di un difetto al prodotto della nostra merce o viene egli stesso danneggiato.

11.3
L’avvaloramento di domande di garanzia, informazione oppure regresso devono essere presentato per iscritto alla direzione aziendale con I’esatta indicazione dello stato delle cose su cui si basa la garanzia compresa la prova che le fomiture e prestazioni provengono da noi.

11.4
Se non concordato diversamente, il caricamento non è compreso nel nostro obbligo di prestazione. Per I’assicurazione clella merce caricata è responsabile esclusivamente il cliente.

12. Indirizzo:

Il cliente deve rendere noto immediatamente ed espressamente cambiamenti d’indirizzo. In caso contrario comunicazioni scritte valgono dopo l’usuale corso postale come consegnate, se sono state inviate all’ultimo indirizzo a noi comunicato.

13. Elaborazione dati

Il cliente conferisce la sua espressa approvazione, che i suoi dati relativi alla sua persona (cognome, indirizzo indirizzi di posta elettronica, numeri telefonici e data di nascita), che sono noti nell’ambito di questo rapporto commerciale oppure diverranno noti in fituro, possono essere elaborati per scopi dell’assistenza ai clienti e per scopi di pubblicità riferita all’impresa e messi a disposizione gratuitamente alla Genol Vertriebssysteme Gmbh, alla RWA Raiffeisen Ware Austria Aktiengesellschaft (RWA AG) alla RWA AG che stanno in continuo rapporto commerciale con la Lagerhaus-Genossenschaften e alle Beteiligungsgesellschaften der RWA AG, come tra l’altro Garant-Tiernahrung GmbH, Lagerhaus Technik-Center GmbH & Co KG nonché agli editori d’indirizzi ed imprese di pubblicità diretta (solo come operatore di
servizi per le proprie campagne pubblicitarie) e inoltre per essere trasmessi e consegnati a scopi di tutela dei creditori verso assicurazioni per crediti, associazioni per la tutela del credito e uffici informazioni commerciali. Su richiesta del cliente gli viene messa a disposizione gratuitamente una lista di queste imprese.

Il cliente può in qualsiasi momento revocare per iscritto la propria approvazione riguardo la trasmissione dei dati. Questa revoca non ha alcun effetto sull’operazione commerciale base.

Il cliente è obbligato a rendere noto immediatamente la sua assunzione in una lista ai sensi del § 7 ECG (“lista Robinson”).

14. Foro competente e scelta della guirisdizione:

Per tutte le eventuali liti che dovessero risultare direttamente o indirettamente da una operazione commerciale è competente esclusivamente il tribunale competente per materia e territorialmente per la nostra sede (non vale per operazioni commerciali con consumatori).

Viene concordato esclusivamente il diritto austriaco sotto l’espressa esclusione del diritto d’acquisto delle Nazione Unite noché delle norme internazionali relative ai conflitti di legge (diritto privato internazionale).